Le solette propriocettive

Piede e Postura
Le solette Propriocettive

La nostra postura è regolata dalle informazioni che i diversi sistemi sensoriali inviano al cervello, possiamo quindi correggerla influenzando questi sistemi tramite un intervento sul piede.Il piede quindi non solo organo di movimento, ma anche di senso, infatti la pelle, i muscoli e le articolazioni contengono recettori propriocettivi che informano il nostro sistema nervoso su sensazioni tattili, pressorie e dolorifiche e permettono l’adattamento ed il rapporto fra il corpo ed il terreno e l’ambiente.

E' possibile stimolare in modo specifico i recettori plantari mediante solette propriocettive. Queste sfruttano piccoli spessori (da 1 a 2,5 millimetri) che vengono posizionati in punti chiave della pianta del piede e sono in grado di attivare per via riflessa specifiche catene muscolari. Questa stimolazione coinvolge tutto il corpo e ne modifica l'assetto posturale.
Essa agisce attraverso una riorganizzazione del processo a livello neuro-muscolare, quindi a differenza dei classici plantari le solette Propriocettive non agiscono unicamente in modo meccanico, ma vanno a stimolare il sistema muscolare in modo da favorirne il riequilibrio.
La differenza che c’è tra un normale plantare e una soletta propriocettiva, è che un plantare è creato di solito per correggere un problema
biomeccanico del piede: sostenendolo, limitandolo, costringendolo a un determinato movimento a livello osteo-articolare;
la soletta propriocettiva stimola per via riflessa un nuovo schema posturale.

Le solette propriocettive vengono proposte come mezzo terapeutico nell’ambito di un trattamento di rieducazione posturale e l’indicazione al loro utilizzo si ottiene attraverso una visita posturale specifica; nel contesto di un lavoro d’equipe (Fisioterapista, Osteopata, Dentista, Ortodonzista, Optometrista, O.R.L., ecc.), e spesso possono fare parte di un intervento trans-disciplinare con la rieducazione visiva, l’analisi vestibolare, la rieducazione miofunzionale e l’analisi approfondita dell’apparato stomatognatico (cioè l’occlusuione dei denti), che possono causare un precario mantenimento dell’equilibrio corporeo, instabilità podaliche e disallineamenti strutturali, cervicalgie, dorsalgie, lombalgie, pubalgie e dolori muscolari vari.
La soletta propriocettiva occupa pochissimo spazio nella calzatura, il materiale di solito è costituito da una base relativamente flessibile, da
esigui spessori posti in determinati punti della pianta del piede, da uno stimolatore neuromuscolare e da un materiale di copertura. Una ortesi
di semplice costruzione, ma con a monte una visita posturale che non si limita al piede ma che analizza e inquadra tutte le problematiche del corpo.